ALI per crescere - associazione di supporto e sostegno alla dislessia e alle disabilità


Vai ai contenuti

Che cosa sono?

Servizi > Dislessia ovvero disturbi Specifici di Apprendimento

Disturbi Specifici di Apprendimento
(dislessia, disgrafia, disortografia, discalculia)

Introduzione


Quadro dei disturbi dell'apprendimento

  • disturbo di lettura (dislessia)
  • disturbi di scrittura (disgrafia e disortografia)
  • disturbo del calcolo (discalculia)


Secondo la spiegazione fornita dalla European Dyslexia Association (http://www.dyslexia.eu.com/):
"La dislessia è una condizione congenita che molti ricercatori considerano come una differenza organica trasmessa geneticamente al centro cerebrale del linguaggio. Non è causata da handicap mentale, da un difetto sensoriale, da disturbi emozionali o privazioni culturali. Si credeva che ci potessero essere una varietà di cause, ma recenti ricerche hanno identificato un 'gene' come causa possibile. Spesso il problema può essere messo in relazione con una differenza organica nel cervello, che può essere ereditaria."
La dislessia non è una malattia e ovviamente non esiste una cura, per cui una persona dislessica lo sarà per tutta la vita e dovrà sviluppare strategie per compensare le sue difficoltà.
La dislessia esiste in qualsiasi parte del mondo, qualunque sia la cultura o la lingua, e colpisce circa l'8% della popolazione (il 4-5% in Italia), che soffre di qualche sindrome che possa inibire l'apprendimento. Possono rimanere gravemente colpiti il 2-4% della popolazione mondiale.
Le persone dislessiche sperimentano difficoltà nel processo del linguaggio sia scritto che orale. Oltre ad avere problemi nel padroneggiare la lettura, la scrittura e l'ortografia, molte di queste persone confondono le direzioni, le sequenze, le lettere, le desinenze, le parole o i numeri la cui ortografia o pronuncia sono simili. Malgrado l'intelligenza e la motivazione, senza una diagnosi e un supporto, i bambini dislessici non apprendono come i loro compagni; una volta fatta la diagnosi, le persone dislessiche possono essere aiutate nel loro apprendimento da un insegnamento specialistico, che sia orientato al successo, strutturato e sistematico. Questi individui hanno bisogno di aiuto ed incoraggiamento.
La dislessia non implica mancanza di intelligenza; molti dislessici dopo aver ricevuto un supporto adeguato a scuola o da un insegnante privato continuano i loro studi fino a laurearsi".

L'Organizzazione Mondiale della Sanità classifica la dislessia e gli altri D.S.A, come disabilità nella capacità di lettura, di scrittura e nel calcolo aritmetico che si manifestano nonostante i normali metodi di insegnamento. Queste indicazioni sono recepite nell'ambito della classificazione diagnostica dell'ICD10, nella quale i D.S.A. rientrano nei codici:
F 81.0 disturbo specifico della lettura
F 81.1 disturbo specifico della compitazione
F 81.2 disturbo specifico delle abilità aritmetiche
F 81.3 disturbi misti delle capacità scolastiche (ove siano presenti più di uno dei disturbi specifici sopra indicati).

La "Consensus Conference", composta dalle maggiori associazioni mediche di settore, precisa che tali disturbi si manifestano in presenza di capacità cognitive adeguate, in assenza di patologie neurologiche e di deficit sensoriali e nell'ambito di un percorso scolastico nella norma.

- Considerando che questi problemi interessano statisticamente circa uno studente per classe e comunque almeno un milione e mezzo di persone della popolazione italiana,
- Si deve garantire il diritto all'istruzione e i necessari supporti agli alunni con DSA, favorendone il successo scolastico, riducendo i disagi formativi ed emozionali, che, di norma, la legge 104/92 trova applicazione solo nei casi di particolare gravità,
- Auspicando al più presto una legge che riconosca questo tipo di problemi.
Particolare rilevanza nei mezzi riabilitativi e compensativi dei DSA rivestono le Nuove Tecnologie che possono venire utilizzate fin dai primi anni della scuola elementare (a fini riabilitativi) e sicuramente, dove necessario, dall'inizio della scuola media (a fini compensativi) fino al mondo del lavoro.

Home Page | Registrazione MultimediALI | Chi siamo | Servizi | Disabilità | Informazioni | Assistenza | Sezioni | Diventa socio ALI | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu